La rivoluzione NFT: mercato in espansione o bolla pronta a scoppiare?

Ascolta la versione audio dell'articolo

4' di lettura

Nel giorno in cui – il 18 maggio – Palazzo Strozzi ha aperto al pubblico a Firenze la mostra Let’s Get Digital!, sulle pagine del New York Times si poteva leggere un’intervista rilasciata dall’art advisor Lisa Schiff in cui la rivoluzione NFT veniva demolita senza possibilità di appello. «Sono terrorizzata», mette a verbale la consulente dal suo studio di TriBeCa: «Questa non è arte, bensì un mercato basato sul nulla, alieno da qualsiasi valutazione critica ed estetica, dove a fare la differenza è soltanto il prezzo che gli acquirenti sono disposti a pagare. Certo», continuava Schiff, «anche io compro e vendo NFT, ma non perché li consideri pezzi d’arte: sto solo scommettendo e giocando d’azzardo». Ora: al di là della posizione non proprio lineare dell’art advisor newyorkese, parole simili ci aiutano a capire come, intorno alla frontiera creativa «crypto», continuino a imperversare confusione e pregiudizi – pure un po’ sprezzanti, diciamo. Tutto è capitato nello svolgersi di poco, pochissimo tempo. Lo scorso anno, gli spiriti famelici della speculazione si sono avventati sui frutti certificati dell’arte digitale proiettandoli in un vortice finanziario internazionale da vertigine. Adesso, da qualche settimana, da più parti (Wall Street Journal, Morgan Stanley…) risuona l’allarme: le quotazioni flettono, l’interesse tramonta, la bolla sta scoppiando. Musica per le orecchie dei detrattori, affezionati alla tesi che sia tutto un bluff; un giudizio, oltre che affrettato, privo di fondamento. Lo «scoppio» della bolla, peraltro, non è di per sé un creato negativo, specie in una prospettiva più ampia. Certo, chi ci ha investito corre il rischio di bruciarsi parecchio, ma la svolta può ora sedimentare. In altre parole, sta arrivando il momento in cui potremo soffermarci sui contenuti più squisitamente estetici, culturali e ideologici del cambiamento in corso, afferrandone finalmente il senso profondo.

Beeple (Mike Winkelmann) ALIVE #2/3, 2021. Video files (NFT). Collection Jehan Chu Courtesy the artist

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati