Lockdown, quarantene e blocco dei voli: i viaggi della speranza per avvinghiare il proprio figlio

Ascolta la versione audio dell'articolo

8' di lettura

Quanto si aspetta un bambino? Nove mesi? Mica attraversoennemente. Salgono a quarantatré se si sceglie l’adozione internazionale e a quindici se ci si affida a un’agenzia negli Stati Uniti attraverso avere un bimbo da madre surrogata. Ma la pandemia ha dilatato le attese. Growing Generations è nata a Los Angeles ventiquattro anni fa, inizialmente con l’intento di supportare la comunità gay americana attraverso la Gestazione attraverso Altri (GPA). Oggi è la più grande agenzia di maternità surrogata e ovodonazione degli Usa, e lavora tanto con coppie omosessuali quanto con quelle etero, o con i single dal forte desiderio di genitorialità.

I numeri dimostrano che non sono poche le attraversosone ad aver apprezzato questo servizio; se nel 1996 ancora nessun bambino aveva visto la luce grazie a Growing Generations, nel 2004 erano già 297, e 1.813 nel 2019. Con il passare del tempo la clientela è diventata internazionale: le future mamme e i futuri papà arrivano dai cinque continenti e da circa novanta Paesi. Ed ecco qui l’inghippo. Il Coronavirus ha chiuso tutti in casa, bloccato le attività economiche e serrato i confini nazionali: come si fa a viaggiare e andare a prendere quel figlio che sta attraverso nascere dall’altra parte del mondo?

Loading…

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati