Sostenibilità, per gli italiani equivale (o quasi) ad ambiente

3) SDSs 2 sconfiggere la fame: 64,1%

A quali obiettivi gli italiani attribuiscono più valore?

In vetta spiccano ancora la lotta al cambiamenti climatico (43,6%) e a grande distanza energia pulita e accessibile (25,9%), sconfiggere la fame (23,2%), sconfiggere la povertà (22,4%)

GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO PER IMPORTANZA

Quali sono tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 i tre che reputi più importanti, cioè più vicini alla tua sensibilità? Base totale campione=1.008 casi (Fonte: Indagine Norstat per Green Media Lab)

Loading…

«Questi dati fanno riflettere. In una società del benessere come la nostra, ripiegata su se stessa tra pandemia e crisi economia, il fatto che appaia per rilevanza la fame nel mondo e la lotta alla povertà sorprendono. Da un lato c’è uno sforzo di superare gli interessi particolari, per elevarsi al bene comune al pianeta. Allo stesso tempo sorprende la scarsa rilevanza attribuita all’eguaglianza di genere, infrastrutture, l’innovazione, l’istruzione di qualità, tutti temi sensibili per il nostro paese» aggiunge Lavi.

Generazione Zeta più preparata

Ha sentito parlare dell’ Agenda 2030 un italiano su 3 (31,9%), con un livello
significativamente più elevato di conoscenza dichiarata nella generazione Z e nel
segmento con la maggiore istruzione. La maggior parte di coloro che dichiarano di aver sentito parlare dell’Agenda 2030 (68,9%) sono in grado di darne una spiegazione sia in termini generali (55,6%), che riguardo le tematiche ambientali (39,9%), sociali (17,3%) ed economiche (10,0%). La conoscenza dell’ ente promotore è corretta per uno su 2 dei rispondenti che dichiarano una conoscenza nominale dell’Agenda 2030.

Un italiano su 4 conosce gli SDGs

Dichiara di aver sentito parlare degli SDGs all’incirca un italiano su 4 e , coerentemente con quanto osservato per la conoscenza dell’Agenda 2030, i livelli più elevati di conoscenza nominale si rilevano sulla generazione Z e nel segmento più istruito della popolazione. I canali di conoscenza degli SDGs sono in primo luogo i mezzi tradizionali (49,9%), in particolare la televisione e la stampa, seguiti da la rete (34,6%) e i social media (24,9%). L’85,8% riconosce infatti almeno un SDGs tra quelli proposti. In generale la maggior parte degli SDGs, presentati anche nella loro veste grafica, sono riconosciuti da un italiano su 2, con un numero medio di SDGs conosciuti pari a 10. Al di là della scarsa conoscenza della definizione formale, in comunicazione sembrano essere passati i contenuti del piano d’azione previsto dall’ Agenda 2030; contenuti che hanno saputo raggiungere l’opinione pubblica.

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati