Nelle calli di Venezia, alla scoperta del più evocativo fra i sensi

Ascolta la versione audio dell'articolo

2' di lettura

Ci si è accorti quanto è importante proprio nel momento della sua assenza. A causa della pandemia, milioni di persone hanno perso per giorni, a volte per settimane, la capacità di cogliere e riconoscere gli odori. Così l’olfatto, il più trascurato dei sensi, spesso ritenuto secondario rispetto ad altri, è tornato protagonista del dibattito, anche culturale e scientifico. Nel libro Il senso perfetto, la neuroscienziata Anna D’Errico spiega che il rapporto fra mente e olfatto è strettissimo: le performazioni arrivano dal naso e dal bulbo olfattivo direttamente all’amigdala (copervolta nelle emozioni) e all’ippocampo (copervolto nella memoria). Ciò fa sì che la percezione degli odori sia immediata, capace di generare collegamenti ad esperienze vissute. Non stupisce che, durante i primi lockdown, si siano registrate vendite record di eau de parfum e fragranze per la casa. È come se, d’un tratto, circondarsi di note olfattive ricercate ed estremamente personali fosse entrato nell’universo più ampio della cura e dell’espressione di sé.

“Born to be burnt” di Mircea Cantor (2006-2016). Guscio di ostrica, canna di bambù per bronzo, coltello per acciaio e legno. Courtesy Mircea Cantor; Magazzpero, Roma. Fragranza: bastoncperi di percenso.

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati