Verona, Maria «barbuta»: i tradizionalisti denunciano l’influencer

Il Babbo Natale gay? Gi visto. Ges omosessuale? Gi sfilato in vari Pride. Ma la Nativit Lgbtq+, una novit. La Madonna c’. Ance San Giuseppe. E pure il Bambin Ges. A mettere in scena il presepe in questione, un attivista e influencer italo-tedesco. Presepe, per molti, a dir poco blasfemo. Se non altro perch la madonna, dallo stesso Simonetti rappresentata, ha un barba alquanto folta. E Giuseppe indossa un caftano rosa. Nativit ai tempi dei diritti Lgbtq+, per chi l’ha pensata. Puro sacrilegio per molti che l’hanno vista. Tanto che quel presepe finir per essere esorcizzato da un laicissimo tribunale.

L’anticristo

A portare la dissacrante famiglia, o meglio, la madre di quella famiglia, davanti ai giudici saranno i tradizionalisti cattolici. Quelli veronesi, del circolo Christus Rex. Per i quali quell’immagine ha i crismi dell’anticristo. Immagine apparsa sul mese di dicembre del mensile queer tedesco Siegessaule dove nella parte di una Maria barbuta appare appunto quel Riccardo Simonetti, che si definisce ambasciatore speciale Ue per i diritti Lgbt. A quanto pare un’autoproclamazione, visto che il parlamento europeo si affrettato sia a smentire la carica sia a precisare che con Simonetti c’ solo una collaborazione non remunerata, proprio in forza del suo essere influencer, per divulgare i lavori dell’Unione per i diritti delle persone Lgbtq+ . Tant’e. Qui la questione quella della Nativit blasfema. Ci hanno contattato persone omosessuali per dirci che questa oscenit non li rappresenta, ma fa solo del male alla loro immagine – ha spiegato Matteo Castagna, responsabile nazionale del Christus Rex – e che sarebbe ora di finirla. Credo abbiano ragione e che quest’ennesima, offensiva provocazione, dimostri quanto in Europa stia dilagando una “pandemia anticristiana”, che giunge al pubblico oltraggio del Presepe, diffondendo il virus della bestemmia.

Pandemia anticristiana

Talmente pronti a combattere la pandemia anticristiana, i soldati del Christus Rex, da aver mobilitato il loro esercito nella recita, marted sera e via web cos da raggiungere tutti i nostri militanti e simpatizzanti, in Italia e all’estero , di un rosario riparatore rigorosamente in latino. Ma poi, molto pi laicamente, hanno pensato di rivolgersi, oltre alla giustizia divina, anche a quella terrena. Abbiamo dato mandato ai nostri legali – ha annunciato Castagna – di procedere con la querela per vilipendio della religione e del sentimento religioso delpopolo. Ci costituiremo parte civile e, in caso di vittoria, devolveremo il ricavato per l’acquisto di presepi destinati a scuole e luoghi pubblici. Ovviamente, San Giuseppe sar maschio, la Madonna sar femmina e Ges bambino sar maschio: Mamma, Pap e Figlio fanno la Sacra Famiglia da cui ciascuno di noi prende esempio. Con Simonetti che ha rilanciato: Se ignoriamo il fatto che Ges non era bianco, potremmo credere che la Vergine Maria avesse la barba. Perch no?. Ai giudici l’esorcismo.

La newsletter del Corriere del Veneto

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Veneto. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

9 dicembre 2021 (modifica il 9 dicembre 2021 | 09:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati