Verona, Annibale e Irma: 70 anni d’amore. Il Covid li ha stroncati in meno di mezz’ora

Annibale Meneghelli e Irma Gilioli Il Covid ha stroncato anche loro, ma non riuscito a separarli dopo 70 anni trascorsi sempre insieme, l’uno a fianco dell’altra. Un amore, un’alchimia indissolubile, la classica coppia perfetta che pareva uscita da un libro di favole li descrive commuovendosi il figlio Roberto. Irma Gilioli se n’ andata a 86 anni, il suo Annibale Meneghelli a 93: indivisibili nella vita, sono morti di Covid all’ospedale di Villafranca durante la stessa sera, a meno di mezz’ora di distanza. Il destino ha voluto che fosse il giorno della Memoria, gioved 27.

Non erano vaccinati

Purtroppo nessuno dei due era vaccinato contro il virus: in passato Annibale aveva avuto pesanti strascichi per un siero antinfluenzale, cos aveva voluto evitare qualsiasi rischio di complicanze per s e soprattutto per la sua adorata Irma, che era affetta da una malattia degenerativa e dipendeva da lui per qualsiasi cosa. I familiari hanno tentato in ogni modo di far cambiare idea all’irremovibile Annibale, ma non c’ stato nulla fare. La coppia aveva superato indenne le prime tre ondate pandemiche, ma non quella ora in corso: entrati entrambi in ospedale lo scorso 11 gennaio, sono spirati la sera del 27. Si trovavano ricoverati in stanze diverse, ma come se fossero rimasti in contatto fino all’ultimo, decidendo addirittura di andarsene insieme: la prima ad arrendersi al maledetto virus stata Irma attorno alle 23.30, meno di mezz’ora dopo l’ha raggiunta in cielo anche Annibale.

Unione salda e duratura

A raccontarlo mi vengono i brividi — ricorda Roberto Meneghelli —, perch dopo un’intera esistenza trascorsa sempre insieme, sembrato quasi che il pap abbia subito voluto raggiungere la mamma il prima possibile, in modo da non lasciarla sola neppure nella morte. Anche in questo, anche nella circostanza pi tragica, quella dei miei genitori diventa una storia d’amore. Un’unione eterna, che nemmeno lo spietato Covid stato in grado di interrompere: mercoled pomeriggio alle 15 verranno celebrati i funerali dell’indissolubile coppia nella chiesa di Bagnolo, a Nogarole Rocca, dove tutti li conoscevano. Si erano sposati nel 1957: 64 anni di matrimonio, preceduti da 6 di fidanzamento. Insieme viaggiavano, andavano a ballare e a fare lunghe passeggiate. Nessun altro uomo per lei, nessun’altra donna per lui: Irma era sarta, Annibale un vero tuttofare che, con il solo diploma di terza media, stato un pioniere dell’imprenditoria locale, capace di fondare tutto da solo un supermercato nel 1971 a Bagnolo e un secondo a Trevenzuolo 12 anni fa. Una duplice attivit che viene ora gestita dall’affiatata famiglia di cui Irma e Annibale sono stati capostipite: lasciano i figli Roberto e Antonella, i nipoti Luca, Paolo, Stefano, Emma, la pronipote Matilde. Ma soprattutto — non riesce a trattenere le lacrime Roberto — lasciano un esempio di vita, valori, sentimenti da emulare, un faro per tutti noi. Un amore che durer per sempre, alla faccia del Covid.

La newsletter del Corriere del Veneto

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Veneto. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

2 febbraio 2022 (modifica il 2 febbraio 2022 | 08:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati