Ordine Nuovo e Ludwig, quel legame tra riti esoterici, sesso e nazismo

La citt di Verona con il suo simbolo, l’Arena

Sesso estremo, strani riti esoterici e culti orientali. E un filo – mai dimostrato – che a partire dagli anni Settanta leg Ordine Nuovo a Wolfgang Abel e Marco Furlan, i serial killer che diedero vita alla sigla Ludwig rivendicando diversi attentati che si trascinarono fino al loro arresto, nel 1984. C’ anche questo nelle oltre 250mila pagine che compongono l’ossatura della maxi-inchiesta della procura di Brescia che punta a fare luce sui presunti esecutori veronesi della strage di Piazza della Loggia.

Toffaloni e la deriva esoterica

Diversi testimoni raccontano che Marco Toffaloni, uno dei due indagati, faceva parte di un sottogruppo di Ordine Nuovo che nell’ambiente era stato ribattezzato I Maghetti. Un ex ordinovista, interrogato dai carabinieri, spiega che la frangia nacque intorno al 1973 ed era costituito da diversi giovani veronesi appassionati al tema dell’esoterismo: Lui (Toffaloni, ndr) a un certo punto inizia a seguire il filone esoterico, che nasce con la lettura del libro di Evola “Introduzione alla magia”. (…) Il percorso esoterico molto importante perch segna l’inizio di una deriva magica di quel gruppo. Sentito dagli investigatori, il fratello di Toffaloni dice di non aver mai saputo nulla dei presunti riti magici ai quali partecipava Marco, ma conferma che negli anni ‘70 ha iniziato con l’Ananda Marga, una setta fondata da un bengalese considerato dai suoi adepti l’incarnazione di Shiva.

I Maghetti

Diversi testimoni fanno i nomi dei componenti del gruppo de I Maghetti, tra i quali S., un ragazzo che viene definito il Mago per eccellenza e che era passato da posizioni marxiste-leniniste all’estrema destra. in questo ambito che alcuni aderenti si spingevano a compiere riti orgiastici. Pi di qualcuno conferma ai carabinieri di aver visto le fotografie che si scattavano mentre facevano sesso tra loro, circondati da svastiche naziste. C’era un preciso percorso iniziatico basato sulla magia sessuale, che portava i componenti del gruppo a cercare un qualcosa… riflette un testimone. lui a spiegare che si svolgevano altri riti, non sessuali, ai quali partecipavano anche appartenenti alle forze dell’ordine: Quando facevamo i solstizi con il rito del fuoco, era B. che si vestiva da bardo. Avvenivano in luoghi isolati, in montagna. Veniva parecchia gente, saremo stati circa una ventina (…) In uno di questi riti, i viveri vennero portati con una camionetta militare….

Le prove

Secondo un collaboratore di giustizia, Abel e Furlan partecipavano ad alcuni degli incontri, anche perch frequentavano lo stesso liceo veronese di Toffaloni e quindi si conoscevano. Non solo: Il gruppo Ludwig – fa mettere a verbale – era stato costituito dai nuovi elementi di Ordine Nuovo. La tesi che i serial killer Abel e Furlan non agivano da soli. Avevano dei complici e un testimone fa anche i nomi. Quel che manca, a oltre 40anni di distanza, sono le prove.

La newsletter del Corriere del Veneto

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Veneto. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

29 gennaio 2022 (modifica il 29 gennaio 2022 | 13:55)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati