Masterchef, la vincitrice Tracy: «Ero cameriera, ora voglio aprire un home restaurant»

Tracy Eboigbodin, 28 anni, vive in provincia di Verona

Tracy Eboigbodin, qual la prima persona che ha chiamato dopo la vittoria?
La prima persona che ho sentito dopo aver vinto stata proprio la mia migliore amica: lei mi ha iscritto a Masterchef e senza di lei non avrei mai avuto il coraggio di partecipare. Lei mi ha dato la spinta per fare questa esperienza.

Durante lo show aveva anche un portafortuna particolare…
S, avevo un bracciale rosso particolare che in realt era la “mutanda magica” che mi ha regalato Elena Morlacchi quando stata eliminata: un perizoma che lei teneva in tasca come portafortuna. Lei mi aveva detto che le sarebbe piaciuto che lo avessi messo io in tasca, ma le ho risposto che l’avrei tenuto fuori dalla tasca e che l’avrei indossato in qualche modo. Infatti l’ho annodato al polso.

Sente ancora i compagni di Masterchef?
S, siamo rimasti in contatto. Soprattutto con Tina (Caruso, ndr) e con Giulia (Masetti Zannini, ndr) che sento ogni giorno, anche pi volte al giorno, anche solo per un saluto, per raccontarci come va la giornata, come si fa con gli amici di sempre. Non ho mai avuto problemi a legare con qualcuno, soprattutto con altre donne. All’inizio sono diffidente, perch lo sono di carattere, ma quando mi lego, un legame che viene dal cuore. Non conta l’et delle persone: Giulia ha 30 anni, Tina 40 ed Elena 50… La differenza anagrafica per me non esiste: conta la persona con le sue esperienze e la sua maturit.

E i giudici li ha pi sentiti?
Per ora no, ma mi piacerebbe avere l’occasione di parlare ancora con loro, di ricevere altri consigli.

Come si vede tra qualche anno?
Il mio sogno di aprire un home restaurant. Perch un concetto diverso dal ristorante. Mi piace molto avere una vita frenetica, andar fuori a mangiare, ma quando entro a casa penso sempre ah, finalmente sono a casa, perch la casa il posto in cui ci sentiamo al sicuro, il nostro regno. Da qui nata l’idea di fare un ristorante a casa. In pi, cucinare per gli altri una forma d’amore, quindi io vorrei replicare quel gesto abbinato a una cucina di alto livello. anche un modo per conoscere le persone e condividere pensieri.

Perch non si mai proposta in qualche ristorante veronese? Magari a Perbellini che con Casa Perbellini a Verona ha creato un ristorante (due stelle Michelin) molto simile al suo sogno di home restaurant…
Ho conosciuto lo chef Perbellini quando sono andata a mangiare alla Locanda Perbellini – Ai Beati a Garda. Era maggio dell’anno scorso ed era proprio la prima settimana di apertura dopo l’inaugurazione. Mi piacerebbe tanto avere l’occasione di rivederlo per chiedergli tante cose, magari i segreti del suo lavoro o come muoversi nella ristorazione. Perch la vita dello chef molto faticosa, si rinuncia ai momenti di festa e a tante cose. Per no, non ho mai pensato di propormi come parte della sua brigata perch non mi sentivo in grado di farlo. Ma non mi sono nemmeno mai proposta in una trattoria.

per questo che prima di Masterchef faceva la cameriera?
Ora mi sono dimessa ma s. Io ho sempre amato la cucina, ma non avevo nessun certificato, nessuna abilitazione. Io ho fatto il liceo psicopedagogico: se avessi fatto l’istituto alberghiero sarebbe stato diverso, ma a 14 anni non immaginavo che, da grande, sarei voluta diventare una chef. Io sono autodidatta, quindi mi sono sempre sentita svantaggiata, anche a Masterchef stato cos. Avere un diploma in tasca un’altra cosa.

Chi le ha insegnato la cucina tradizionale italiana?
Mia suocera Maria Rosa, che la mia seconda mamma. La domenica la vedo da anni preparare i tortellini in brodo, le tagliatelle fatte a mano, il rag di cinghiale, la lasagna che qui a Verona chiamano pasticcio con le sfoglie fatte in casa. Lei la mia prima grande maestra

Qual il suo piatto preferito?
Il lesso con la pear. E i primi, in qualunque modo, dai risotti alla pasta secca, gli spaghetti, pasta lunga. I primi sono anche il mio forte: io farei qualunque cosa, basta che ci sia pasta secca.

Il 15 marzo uscir in libreria Soul Kitchen. Le mie ricette per nutrire l’anima. Perch questo titolo?
Mangiare per fame una cosa. A volte si mangia perch si ha fame, di fretta, solo per riempire. Ora io mangio per andare oltre al nutrimento: il momento del pasto mi piace perch ci si siede e si condivide. Qui ho imparato il piacere di assaggiare cose diverse. Anche l’aperitivo si basa su questa filosofia: gli stuzzichini non sono necessari, non si mangiano per fame, ma per condividere, nutrire l’anima. Il cibo pi spirituale di quello che si creda.

Una curiosit: qualche anno fa ha partecipato a concorsi di bellezza?
S, ho partecipato a Miss Telearena e sono arrivata in finale, ma non ho vinto. Per ho conquistato varie fasce, tra cui Miss Sorriso, Miss Valeggio sul Mincio e Miss Oppeano, in cui poi sarei andata a vivere. Perch non ho sempre vissuto a Vallese di Oppeano: appena trasferita con mia madre e i miei fratelli, abitavamo a Montorio (un quartiere di Verona, ndr).

A proposito di sua madre, che cosa le diceva dalla balconata della finale di Masterchef?
Don’t be afraid, be strong. Mentre cucinavo sentivo la forza che mi arrivava dalle donne che erano dalla mia parte. Prima su tutti mia mamma. Durante tutto il percorso ho imparato a credere un po’ di pi in me stessa. E sono molto fiera di me per questo.

Perch ci sono pi chef uomini che donne?
Forse perch a noi donne, contrariamente da quel che si dice, non interessa stare al centro dell’attenzione. Per un peccato perch ci sono tante cuoche in gamba in giro per l’Italia.

Se mai dovesse avere una brigata tutta sua, sar composta da uomini o donne?
Non ho mai pensato al genere: per me conta la persona, al di l del genere a cui appartiene. Idealmente per, se dovessi proiettarmi in una brigata futura, mi piacerebbe che ci fosse pi di una donna. Magari sar una brigata addirittura tutta al femminile, perch no?.

Festegger la Giornata internazionale della donna?
Certo che festegger, perch bisogna ricordarsi le lotte fatte dalle nostre antenate. giusto dedicare una giornata. Ma per me l’8 marzo tutti i giorni.

La newsletter del Corriere del Veneto

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Veneto. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

5 marzo 2022 (modifica il 5 marzo 2022 | 20:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati