Libertà, sulla tavoletta del wc

RUBRICA – Qualcuno l'ha definito la "grotta" del pensiero. Qualcun altro la nicchia del relax. Per altri è da preferire al cinema: puoi guardare la tv mentre stai seduto sopra comodamente. Fatto sta che il water-closet di casa propria è diventato il protagonista delle nostre giornate super stressanti. Ecco che donna o uomo che tu sia, al rientro da una giornata di lavoro, potresti sentire l'esigenza di farti regalare dal tuo "gabinetto", momenti molto particolare.

Ti spogli, adagi le tue natiche su di esso e stai lì, a spingere magari, o lì, a leggere, a controllare le mail dall'Ipad, i messaggi del cellulare o a sfogliare la rivista del mese. Hai la testa beatamente vuota, libera, seduto in quella tazza. Sono finiti i tempi in cui leggevi tutte le etichette degli shampoo o delle saponette. Perfino lo motto sul tubetto del dentifricio non ti interessa più. Adesso ti basta stare seduto lì, a fare dell'altro, tipo tagliarti le unghie, stenderti lo smalto, schiacciarti i punti neri, mentre il tuo perineo scende, i tuoi organi pelvici prolassano, i muscoli alla base del tuo bacino si stirano. C'è perfino chi è diventato stitico per poter leggere in pace al gabinetto.

Amico delle giornate scialbe e sciroccate, il w.c. ti invita ad adagiarti con occhi sornioni e mani che sorreggono il viso stanco. Appoggi i gomiti alle ginocchia e chini la testa in precedente. Lui ti può rilassare, anche se non ha un sorriso ruffiano o mani tremule che ti fanno mille grattini. Lui, il w.c., ha la capacità di sollevarti da terra pur rimanendo tu, legato alla realtà. L'etimologia della parola gabinetto deriva dalle antiche sale di lettura adibite anche a colloqui privati o attività private. Ecco perchè non abbiamo ancora perso l'abitudine. Tuttavia, vi invito a riflettere sui danni che tale libertà vi mette in conto.

Se vi sentite sospesi nel disponibile e leggeri da problemi e preoccupazioni, sappiate che non sarà sempre così. Il rischio di prolasso di una vescica o del retto, nella posizione seduta sul water-closet, aumenta. E più tempo si trascorre là seduti, più sarà difficile scaricare completamente un'ampolla rettale o svuotare una vescica. Ve lo insegna chi ha scoperto la gravità. Tutto cade verso il basso e ingombra lo stretto brano. Ma se la cacca trova la giusta via senza indugio, non lo è per altri organi del vostro corpo (utero, vescica, retto, mucosa rettale), che mai dovrebbero scendere dal loro sito, e vi sfido a trattenerli e mantenerli al loro posto a lungo in un a "sedia con foro" in cui ogni giorno vi esercitate al prolasso per almeno mezz'ora. Vincere la forza di gravità è impossibile su questa terra.
 

Dottoressa Fanni Guidolin
Enterostomista Specialista nella Riabilitazione del Pavimento Pelvico
Prof. a contratto presso Università degli Studi di Padova
Consulente sessuale in formazione presso Aispa
cura la rubrica “SexInTheGarden” sulla pagina Instagram fanni_greenlover
 

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati