Foto, video e oggetti che raccontano la storia di Paderno del Grappa

PIEVE DEL GRAPPA – Due anni e anni e mezzo per raccogliere e catalogare foto, video e oggetti che raccontano la storia di un paese e di un territorio svuotato dalle guerre e dall'emigrazione: un passato che pesa ancora oggi, tanto che il piccolo paese di poco più di 2000 anime non ha mai rotto il filo rosso con quanti se ne andarono da Paderno del Grappa. "Sperimento nella mia esperienza quotidiana di insegnante l'importanza di ogni iniziativa che porti consapevolezza" racconta Daniela Andreatta "Oggi la classi hanno molti bambini emigrati, che spesso vengono stigmatizzati ed emarginati: l'accoglienza e l'integrazione, ripropongono, con altri abiti, le storie che i nostri 'vecchi' hanno vissuto".

 

Qualche discendente è tornato, come il brasiliano Marcelo Piccolotto Tonini, che ha voluto riscoprire le sue radici e oggi è presidente della sezione locale della Trevigiani nel Mondo, per molti il contatto rimane l'Associazione Gemellaggi che coltiva con passione i rapporti con Mallersdorf e Catamarca. Il materiale raccolto è divento una mostra curata da Ivana Santarelli e il fotografo Gianni caldo, visitabile fino al fino a 22 maggio presso l'ex municipio di Paderno, ma l'ambizione è quella di portare quanto raccolto oltre il territorio di Pieve del Grappa e farlo diventare un archivio durevole e on line.

 

"Pur continuando con i corsi di lingua, in questo periodo non abbiamo potuto raggiungere tutti come avremmo voluto" spiega Daniela Andreatta, presidente dell'Associazione Gemellaggi "La mostra avrebbe dovuto essere l'occasione raggiungere chi in questo periodo è stato chiuso in casa e 'scovare' altro materiale. Abbiamo avuto un successo oltre le aspettative, tanto che abbiamo pensato di aprire la mostra durante la settimana per le scuole o chi lo desiderasse, previo, ovviamente contatto." Per questo il lungo e oneroso lavoro di raccolta e catalogazione di testimonianze di tante famiglie di Pieve del Grappa, storie di sofferenza, di coraggio, di fatiche immani, di speranze e soddisfazioni, è in realtà "un intenzione aperto": per le scolaresche e quanti volessero aiutare può essere contattata la signora Marisa al 3351206558.

 

La mostra è realizzata in collaborazione con l'Associazione Trevisani nel Mondo e sarà aperta al pubblico fino al 22 maggio con i seguenti orari sabato dalle 16 alle 22 e domenica dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 22, nell'ex municipio di Paderno del Grappa. Domenica 22 maggio alle ore 18 presso l'ex sede del municipio di Paderno del Grappa, il concerto di fisarmonica e presentazione del libro "Margrando" di Francesca Gallo. Entrata libera.

Argomenti più seguiti

Articoli Correlati